Slide background
Slide background

OSTEOPATIA E ODONTOIATRIA

Effettivamente è venuto a mancare l’indagine globale del paziente ed è per questo che stanno emergendo figure nuove come l’osteopata, il chiropratico, l’omeopata etc etc. che hanno invece una visione olistica del paziente. L’osteopatia si occupa di ripristinare le alterazioni della mobilità delle singole parti del nostro corpo. Questa mobilità è presente a tutti i livelli per esempio a livello osseo tipo tra una vertebra e l’altra , tra un organo e l’altro. Nel nostro organismo nessun organo tipo il fegato, lo stomaco etc è fisso: tutti gli organi sono in costante movimento sia intrinseco cioè proprio sia legato ad altre strutture limitrofe. Un esempio è dato dal diaframma che durante l’inspirazione e l’espirazione produce tutta una serie di movimenti degli organi sottostanti . Tutti questi organi sono collegati fra di loro attraverso dei legamenti e attraverso altre strutture chiamate meso che li collegano al peritoneo che è una membrana che avvolge tutto l’apparato digerente e che si collega attraverso l’intermediazione di muscoli alla colonna vertebrale. Succede a volte che per varie cause il movimento dei vari organi non è possibile e questa condizione prende il nome di disfunzione.

OSTEOPATIA E ODONTOIATRIA

Effettivamente è venuto a mancare l’indagine globale del paziente ed è per questo che stanno emergendo figure nuove come l’osteopata, il chiropratico, l’omeopata etc etc. che hanno invece una visione olistica del paziente. L’osteopatia si occupa di ripristinare le alterazioni della mobilità delle singole parti del nostro corpo. Questa mobilità è presente a tutti i livelli per esempio a livello osseo tipo tra una vertebra e l’altra , tra un organo e l’altro. Nel nostro organismo nessun organo tipo il fegato, lo stomaco etc è fisso: tutti gli organi sono in costante movimento sia intrinseco cioè proprio sia legato ad altre strutture limitrofe. Un esempio è dato dal diaframma che durante l’inspirazione e l’espirazione produce tutta una serie di movimenti degli organi sottostanti . Tutti questi organi sono collegati fra di loro attraverso dei legamenti e attraverso altre strutture chiamate meso che li collegano al peritoneo che è una membrana che avvolge tutto l’apparato digerente e che si collega attraverso l’intermediazione di muscoli alla colonna vertebrale. Succede a volte che per varie cause il movimento dei vari organi non è possibile e questa condizione prende il nome di disfunzione.

In questo momento non siamo ancora nella patologia ma se la mancanza di movimento si protrae nel tempo si arriva ad uno stadio patologico e quindi alla malattia. Ecco che quindi la figura dell’osteopata diventa in questo caso importante nella prevenzione della malattia. Inoltre queste limitazioni della mobilità influenzano la posizione del collo e della testa. Perché l’osteopatia ha un ruolo importante nell’odontoiatria? Il movimento della mandibola in apertura e in chiusura è reso possibile da tutta una serie di muscoli alcuni dei quali hanno una origine a livello di alcune ossa del cranio come l’osso temporale. Affinchè il movimento della mandibola di apertura e di chiusura sia ben corretto è necessario che la testa sia ben stabile sul collo e che il collo sia ben stabilizzato sul torace. Questa stabilizzazione avviene ad opera di muscoli che sono situati posteriormente e altri muscoli che invece sono posti anteriormente. Normalmente i muscoli hanno un loro tono di base e se c’è equilibrio nel tono tra la muscolatura anteriore e quella posteriore la mandibola si aprirà e si chiuderà in maniera corretta. Ma è vero anche il contrario e cioè che se i muscoli della mandibola sono troppo contratti influenzeranno il tono di base dei muscoli anteriori e posteriori che uniscono la testa al collo e il collo al torace.

PRENOTA LA TUA VISITA GRATUITA!

PRENOTA LA TUA VISITA GRATUITA!

L’IMPORTANZA DELL’OSTEOPATIA NELL’ODONTOIATRIA

L’IMPORTANZA DELL’OSTEOPATIA NELL’ODONTOIATRIA

PREVIENE LA
DISFUNZIONE MUSCOLARE

CORREGGE I MOVIMENTI
DEL COLLO E DELLA TESTA

CORREGGE L’APERTURA E
LA CHIUSURA DELLA MANDIBOLA